Steve Lord

tratto da Tales from the Dork web #20, traduzione di Silvia Treves

Questo lungo articolo, ricchissimo di indicazioni e link, è irrinunciabile perché mostra il lato fattivo e attivista del Solarpunk. Il concetto che l’autore sottolinea più volte è che non dobbiamo aspettare di avere tutte le soluzioni in mano prima di cominciare a progettare il futuro. Là fuori, già ora, il Solarpunk è presente, anticipato e quotidianamente costruito da persone che agiscono collettivamente, scambiano beni e informazioni, discutono e lottano per difendere le buone pratiche e sostituirle a quelle non ecosostenibili.

Silvia Treves

solarpunk.it

In una recente intervista, Substack mi ha domandato del futuro delle sottoculture tech.  Non prendete troppo sul serio le mie improvvisazioni però. Se qualcosa il 2020 mi ha insegnato, il futuro sarà molto più strano di qualsiasi cosa ci possiamo aspettare.

Rimango convinto che il COVID avrà un impatto sulle sottoculture perché ha influenzato tutto il resto. Una sottocultura che credo sarà particolarmente colpita è il Solarpunk. Come ciò vada a finire dipende da tutti noi. In questo numero introdurrò il mondo del Solarpunk: cos’è, perché è importante e cosa possiamo fare per costruirlo. Avrò anche più Solarpunk nel prossimo numero.

Questo numero è un seguito del mio articolo su Cyberpunk: allora e ora.

Temi i morti che lavorano

Quasi ogni sguardo dei media contemporanei sul futuro mostra una catastrofe. Collasso climatico, orde di zombie, IA fuori controllo fortemente determinate alla nostra distruzione. Ora sappiamo che tutto nella narrativa delle pandemia da virus era comicamente fuori luogo. Quella bolla è scoppiata. Nessuno guarderà Contagion 2: Apocalypse Boogaloo.

Le storie che raccontiamo non sono previsioni esatte sullo scenario del giorno del giudizio. Sono riflessi da cartoon delle nostre speranze e paure attuali. Ne L’alba dei morti dementi (Shaun of the Dead) i veri zombie sono le persone che fanno lavori di merda senza nessun dannato motivo. Nel mondo reale i disastri naturali sono quasi tutti provocati dall’uomo. Gli zombie siamo noi. L’intelligenza artificiale è stata copiata da Stackoverflow dall’offerente a più basso costo.

Viviamo in un mondo definito dal paradosso di risorse finite e dall’illusione di un’infinita crescita economica. Siamo bombardati da messaggi che lavorano contro di noi. Ci viene detto di continuare a comprare, continuare a spendere, e continuare a condividere. Scatta un selfie, continua a dire apertamente alle persone che sai quanto bella è la tua vita. Non lasciare che il terrore esistenziale prenda piede. Non lasciare che il terrore esistenziale prenda piede. Non lasciare che il terrore esistenziale prenda piede…

Megacorporazioni, come Disney, processano, sterilizzano e producono in franchise i media che vediamo. La nostra dieta di fantascienza distopica riciclata è andata avanti così a lungo che abbiamo dimenticato quanto fosse vecchia. Una delle migliori visioni televisive del futuro sembrava identica a un film di quasi 40 anni fa ambientato nel 2019. I film più popolari sono i franchise. La data di uscita di Star Wars è più vicina alla Seconda guerra mondiale che a oggi. Il primo film di Captain America è apparso nel 1944. Il film di fantascienza più atteso,  posticipato nel 2020, è tratto da un romanzo del 1965 che molti conoscono solo grazie a un film del 1984.

Nei film seriali con eroi generici il supereroe salva l’umanità al prezzo non specificato di perdere la propria attività. Questi film creano una dipendenza da eroi, grandi uomini, uomini forti. Ma essi non sono reali. Superman non ci salverà. Possiamo solo salvarci da soli.

Questo non vuol dire che non c’è immaginazione. Ce n’è un sacco, ma gran parte di essa è talmente dark. Sollevare questioni e attribuire colpe anche nei film non migliora le cose. Aumenta l’ansia come ho fatto nelle ultime centinaia di parole. Il regista Evan Webster Wiley definisce questo la fallacia della soluzione critica. I problemi sono enunciati, discussi, ma vengono offerte pochissime, se non nessuna, soluzioni pratiche.

Forse è la mia spossatezza britannica da disperazione. Questi messaggi, combinati con l’ansia che provocano i social media, creano quella che chiamo tensione post-millennio.

Se vogliamo superare l’ansia e la tensione come moneta narrativa, dobbiamo riformulare le narrazioni che condividiamo. Il Solarpunk è il movimento più ottimista nella fantascienza dopo Star Trek, ma è anche molto di più. Proprio come abbiamo costruito un presente Cyberpunk accidentale, possiamo costruire un futuro Solarpunk.

Su Astronave Terra siamo tutto l’equipaggio

I nati oggi affronteranno un mondo completamente diverso quando raggiungeranno la vostra età. Il punk in Solarpunk è un rifiuto della distopia di oggi nella realtà e nella narrativa. Solarpunk è utopistico perché, com’è scritto in Solarpunk – Note verso un manifesto:

Le uniche altre opzioni sono la negazione o la disperazione.

La cultura solarpunk si basa su idee di autonomia e località. Politicamente, il Solarpunk condivide molto con movimenti come Occupy, attingendo alla politica prefigurativa.

La cosa più importante è che il Solarpunk è un rifiuto delle paure distopiche e un ritorno alla speranza, non come truffa, ma come costrutto.

Prendere il volo, Guerilla, Art Déco

I mondi del Solarpunk sono caratterizzati da paesaggi urbani puliti con spazi verdi integrati. Più Westworld che Blade Runner. Se Hong Kong è la casa visuale del Cyberpunk, allora la casa del Solarpunk è Singapore.

L’arcologia è una parte importante dell’architettura solarpunk. Stefano Boeri è un architetto milanese che porta le foreste nelle abitazioni moderne. La sua prima foresta verticale a Milano è cresciuta nel 2014 e ne sono stati costruiti altre da Eindhoven a Nanchino. Una volta che ci si immerge, si inizia a capire che la realtà solarpunk non è torri splendenti e prati coltivati. È più Guerilla Gardening e incredibili villaggi commestibili.

Il post su  Tumblr di Miss Olivia Louise mette in evidenza le influenze estetiche Art Déco. L’arte di Toulouse-Lautrec, Alfons Mucha e Gaudí ispira l’arte e l’architettura solarpunk. Ancora, non vi è alcuna visione unica solarpunk. Come afferma Sunlit Revolution, “La monocultura è morte” . Il Solarpunk preferisce la stabilità all’avanguardia. La sostenibilità contrasta con i grattacieli e il moderno trend di velocità.

Specchio di luce Solarpunk

Il Solarpunk ha iniziato come movimento letterario. C’è una quantità crescente di letteratura Solarpunk. Il manifesto del Solarpunk è I reietti dell’altro pianeta  di Ursula K. LeGuin. Altri popolari autori solarpunk sono Octavia Butler e Kim Stanley Robinson. Sunvault, Storie di Solarpunk e di Eco-Speculazione, curata da Phoebe Wagner e Brontë Wieland appare spesso nelle top list.

Ma come possiamo avere storie avvincenti senza supereroi seriali e ambientazioni catastrofiche?

Uno dei miei film proto-Solarpunk preferiti è Princess Mononoke dello Studio Ghibli. È la storia di un ragazzo che viaggia verso est per trovare una cura per una maledizione, che gli garantisce un potere enorme a costo della sua vita. Durante il suo viaggio viene coinvolto in una battaglia tra gli spiriti della foresta e una comunità mineraria umana. Come tutti i film Ghibli è bellissimo, pieno di profondità e dualità. Anche al livello più elementare, il bisogno di Iron Town di distruggere l’ambiente è un classico tropo Solarpunk.

Abbracci contro la macchina

Il Solarpunk non si lega a una particolare ideologia. È incompatibile con un’economia postmoderna basata sui consumi. Solarpunk potrebbe esistere in un mondo del genere, ma non sarebbe stabile. Immaginate un’utopia con alloggi per le vacanze, in foreste verticali messu su AirBnB da gente indebitata fino al limite, esclusa dal mercato degli affitti. Questo non è Solarpunk per me. Se volete sapere come sarebbe un mondo Solarpunk, potreste già aver sperimentato qualcosa di simile.

Non tutte le esperienze di lockdown sono state positive. Esso ci ha mostrato come potrebbe essere la nostra vita quotidiana, sia per l’ambiente sia per noi stessi. Un’esistenza solarpunk è più lenta della vita moderna. È più riflessiva e si basa sul pensiero a lungo termine. Il Solarpunk vuole creare una vita per tutti i nostri figli e nipoti, non per il prossimo trimestre. Non c’è nessun trambusto solarpunk perché non ce n’è bisogno. La Grande Pausa di Evan Webster Wiley (su Vimeo) ci invita a ripensare le nostre vite alla luce degli eventi recenti.

Il Solarpunk interagisce con la politica dell’identità moderna aggiustando  sistemi rotti. La colpa è inutile in un mondo di responsabilità collettiva. Nel Solarpunk, è sovrana la lotta collettiva per risolvere il problema. Insistere sull’inazione finché non troviamo una soluzione perfetta non è un’opzione. Riconoscere che le soluzioni non sono perfette riporta alla realtà il Solarpunk. La tenacia è importante perché il progresso conta più della crescita economica a breve termine.

Se perseveriamo la ruota girerà. Se ci aspettiamo che un eroe la giri per noi, saremo solo delusi.

Ma che dire dei soldi? Per oltre mezzo secolo abbiamo visto una forma di economia solarpunk in libri, televisione, film e giochi. È un mondo in cui la produzione è un problema perlopiù risolto, ma la distribuzione è gestita equamente. Diversi libri sono stati scritti sull’economia di Star Trek. Perché pre-datare (o post-datare) il Solarpunk è terribilmente familiare.

L’economia di Star Trek è talvolta descritta come comunista. È falso. In realtà, l’economia di Star Trek è un’economia post-scarsità. Ciò che la rende Solarpunk è l’assenza di consumismo.

In questo momento potremmo sfamare il mondo, ospitare tutti e fornire assistenza sanitaria universale. Noi collettivamente scegliamo di non farlo. Il potere di fare questa scelta non è equamente distribuito, ma è una scelta attiva. Possiamo cambiare questa scelta. Il nostro potere di operare questo cambiamento potrebbe non essere significativo, ma è nostro e possiamo esercitarlo.

Andrew Dana Hudson in Le dimensioni politiche del Solarpunk dice:

Avete sentito parlare dello slogan hacker “muoversi velocemente e rompere le cose”? Il Solarpunk dovrebbe muoversi tranquillamente e piantare le cose. Non chiedete il permesso di uno Stato in mano agli oligarchi, e sicuramente non aspettatevi che quegli oligarchi facciano tutto questo per voi. Il giardinaggio-Guerilla è il modello, ma guardate oltre. L’installazione di pannelli solari di Guerrilla. Il recupero dell’impianto di trattamento acque di Guerilla. La costruzione da parte di Guerilla del magnifico tempio dello spirito umano. La creazione della megastruttura per il sequestro di carbonio di Guerilla.

Da qualche parte si deve iniziare

Quando Andrew Dana Hudson parla dell’installazione da parte di Guerilla di un pannello solare non sta scherzando. Queste cose sono reali. Il motivo per cui non le conosci è perché queste sono cose da costruire, non cose da acquistare. Daniel Connell ha tutorial per qualsiasi tipo di tecnologia.

Ho accennato prima a Meshtastic  per le comunicazioni basate su LoRaWan. I radioamatori entusiasti hanno usato la chiamata di Js8 per tracciare la catena di rifornimento alimentare degli Stati Uniti.

Prima o poi si deve iniziare

La Spagna si trova in una posizione unica per l’energia solare. Negli anni Duemila era leader mondiale. Negli anni 2010 la Spagna ha abolito le tariffe di riacquisto e ha introdotto una tassa solare del 7% su tutta l’energia solare generata. applicata sia che si fosse o meno collegati alla griglia. La tassa solare infine è stata abolita, ma non ci sono garanzie che non venga ripristinata.

Le fattorie scolastiche aiutano i bambini a imparare di più sul loro cibo. Sono popolari in tutto il mondo, a parte la contea di Clayton. Lì, il governo locale ha ordinato a una scuola materna di smettere di vendere il cibo in perdita. Dopo un anno, la scuola ha conquistato il diritto di vendere in perdita il suo cibo. La mia parte preferita di questo articolo ambientalista sfegatato è:

La città ha sostenuto che se cambia l’ordinanza, ci potrebbe essere una bancarella di fattoria a ogni angolo. Okunoren-Meadows dubita fortemente che ciò accada, ma, se lo facesse, sarebbe una buona cosa.

Immaginate l’orrore se questo accadesse. Cibo locale che cresce in ogni angolo. Voglio dire, dove andremo a finire?

Quale posto migliore di qui?

Gran parte del Solarpunk nel mondo reale è localizzato. Comunità come  Woodbine NYC  o anche informali come  French ZADs  erano Solarpunk prima che esso esistesse. È allettante dipingerli come una via di mezzo tra Portlandia e presidi di contestazione radicati, ma svolgono un importante ruolo civico. Le comunità Makerspace sono solarpunk. Le biblioteche (che sarebbero quasi certamente fuori legge se create oggi) sono solarpunk. Il demanio è Solarpunk.

La discussione sul Solarpunk è iniziata su Tumblr. C’è anche un interessante social network chiamato ScuttleButt. È un po’ complicato iniziare e sto ancora imparando ad usarlo, ma finora tutto bene. L’istanza principale di Solarpunk Mastodon è Sunbeam City. Le iscrizioni sono chiuse mentre la cooperativa proprietaria si ristruttura.

Solarpunk subreddit è una comunità vivace con circa 25.000 membri. Da visitare anche il Solarpunk Magic Computer Club, Solarpunks.net, e naturalmente le riviste No-TechLow-Tech magazines che funziona a energia solare.

Quale momento migliore di adesso?

Il Solarpunk nel suo insieme può sopraffare, ma semi solarpunk sono interrati intorno a noi. Dalla riparazione estensiva alla permacoltura localizzata siamo i creatori del nostro futuro solarpunk.

La lettura politica solarpunk include Social Ecology and Communalism di Murray Bookchin, La conquista del pane di Pëtr Kropotkin e Ruba questo libro di Abbie Hoffman.

Se tutto ciò è troppo pesante, alla fine di questo post consiglio I reietti dell’altro pianeta di Ursula Le Guin. Se tu ami quel mondo, puoi prendere idee da lì e usarle nel tuo. O no. Sta a te decidere.

A livello locale c’è molto che si può fare per muoverci verso un futuro solarpunk. Possiamo fabbricare bombe di semi per in giardinaggio-Guerilla, costruire economie del dono iperlocali, diventare medici di strada, coltivare nuovo cibo dagli scarti e perfino costruire fattorie di bottiglie verticali in spazi minuscoli. Il Solarpunk è quello vuoi farne. Non c’è visione unica né leader. Solo un coro occasionale di voci e il bene comune.

Ci siamo addormentati in un presente Cyberpunk, ma possiamo costruire un futuro Solarpunk se scegliamo di farlo. Non abbiamo bisogno di chiedere il permesso. Non abbiamo bisogno di fare tutto subito. La gente dalla Spagna agli Stati Uniti sta facendo questo ora. Perché non unirsi a loro?

Solarpunk non è fare la tua parte per salvare il mondo dal collasso climatico. Solarpunk è costruire il mondo in cui vuoi che i tuoi nipoti invecchino.

Vi lascio con questa citazione:

Non puoi comprare la rivoluzione. Non puoi fare la rivoluzione. Puoi solo essere  la rivoluzione. È nel tuo spirito, o non è da nessuna parte.

Ursula K. Leguin, “I reietti dell’altro pianeta”

Spero che questo articolo vi abbia divertito tanto quanto mi sono divertito io a fare ricerche su tutto ciò che è entrato in esso. Se l’ha fatto, vi prego di condividere Tales From The Dork Web con i vostri amici.

Traduzione di Silvia Treves
Steve Lord

Steve Lord si descrive come un cowboy da console, che scrive di subculture ciber, hacker, e privacy; è attivo su Tales from the Dork Web.

Condividi il post

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *