Riproduciti. Non uccidere. Non sprecare. Vivi in armonia con la Terra. Vivi in armonia con l’umanità.

Scaricalo qui: La Compagnia Perfetta, Delos Digital

Nuovo mondo, nuovi comandamenti: da quando le nanoplastiche hanno reso sterili persone e animali, i sopravvissuti si sono riorganizzati in piccole comunità. Finché un giorno, in un villaggio tra le alpi Lepontine, le vestigia del vecchio mondo tornano a minacciare la quiete…

L’autrice

Romina Braggion vive in provincia di Verbania, a due passi dal Lago Maggiore e a quattro dalle amate montagne Ossolane. Da quasi cinquant’anni svolge la professione di absolute beginner, distinguendosi nell’autodidattica. Inoltre si occupa di comunicazione per una fonderia di alluminio.  Ha un blog in cui parla di fantascienza, meglio se italiana, e porta avanti un progetto di condivisione della memoria delle scrittrici: La Metà del Mondo. Collabora con un paio di associazioni culturali della sua città dando una mano nell’organizzazione di piccoli eventi. Il suo primo racconto è stato segnalato al concorso “Iniziamo da qui!” di Spunto Edizioni; oltre a “La Compagnia Perfetta”, suoi racconti si possono trovare in contest letterari online, e sono apparsi anche in altre antologie, tra le quali “Assalto al Sole”. Ha qualche passione e innumerevoli interessi e, prima o poi, dovrà decidere cosa fare da grande.

L’incipit

Iris stava spalmando la marmellata di nesporbe sulla fetta di pane di segale: – Più rimane nel vasetto e più buona diventa. – Guardò Juglans, intento a divorare un panino d’avena ripieno di sugoli. Suo marito deglutì: – diavolo di Orso, Sa fare il suo mestiere, niente da dire.

– Già… e noi pensavamo fossero tossiche – aggiunse lei avvicinando alle labbra una tazza di cicoria bollente. – Nesporbe, pare siano un incrocio tra due frutti antichi. – Addentò un grosso pezzo di pane e le sue guance si gonfiarono, incapaci di gestire un tale boccone. Deglutì a fatica e inspirò un turbine d’aria: – Sarà meglio che mi sbrighi. Tra poco arriva il clo.

– Speriamo sia la volta buona. – Lapidario, Juglans la guardò e aggiunse: – Così la finisce di assillarci.

Scaricalo qui: La Compagnia Perfetta, Delos Digital

Hanno detto / Reviews

Riproduciti, non uccidere, non attaccare, non sprecare, non desiderare il superfluo, vvi in armonia con la Terra, vivi in armonia con l’umanità, vivi in armonia con te stesso, aiuta il tuo prossimo, condividi. Questi i comandamenti laici della comunità immaginata da Romina Braggion nel suo esordio, La Compagnia Perfetta, un romanzo breve ambientato in una comunità montana che vive tra natura e tecnologia, sfruttando il meglio da entrambi i mondi. Il mondo immaginato tra queste pagine assomiglia molto a un’utopia miyazakesca, e proprio l’utopia è l’ultimo pilastro che sorregge il solarpunk.

Angela Bernardoni, StayNerd

Il tema delle alternative alla famiglia mononucleare binaria è stato affrontato variamente nella fantascienza e nel mainstream del secolo scorso e torna molto attuale in questi anni. Qui Romina Braggion ne propone una versione interessante, nella quale trovano posto gli affetti e il dovere e le diversità divengono parte integrante della società. Per darle sostanza l’autrice lavora anche sul linguaggio, trovando termini insieme espliciti e quotidiani per designare nuovi ruoli. Nel racconto le famiglie sono realmente un ponte tra gli individui e la comunità, un tentativo di democrazia dal basso fattibile, almeno, in una comunità ristretta. Il racconto è pieno di idee che sarebbe bello esplorare in un romanzo, perché già nelle 47 pagine di La compagnia perfetta emergono biotecnologie in sé sostenibili ma pericolose e indizi di una geografia italiana mutata dalla crisi climatica, che si mescola alla storia antica del pianeta. Come sarà, ad esempio, la Bologna del futuro? Il mondo di Romina Braggion è di notevole spessore e l’autrice, per ora, ne ha raccontato solo una piccola parte.

Silvia Treves, LN Librinuovi.net

Questo racconto narra di una nuova civiltà, sorta dalle macerie di un mondo distrutto dalle nanoplastiche. Una prospettiva sbalorditiva, che sottolinea tutta l’originalità dell’autrice. Gli esseri viventi sono condannati alla sterilità, e hanno dato origine a un nuovo concetto di famiglia. Un mondo a tratti sconcertante, ma che nasconde in sé un equilibrio difficilmente sospettabile e altrettanto logico. “La compagnia perfetta” è una storia adatta a tutti quelli che, in poche righe, vogliono ribaltare la loro visione della realtà, e scoprire quali prospettive incredibili ci può riservare l’immaginazione.

Giovanni Munari, blogger “vitadalettore”
solarpunk.it

PRO:
-L’idea di fondo non è per niente male;
-Mi piace come scrive l’autrice, non si fa fatica a stare dietro alla storia, non si perde il filo;
-L’argomento e i temi che accenna incuriosiscono molto, e poi ormai il mio io inconscio e pessimista mi dice di continuo che “tanto ormai potrebbe succedere anche questa”, quindi ero già pronta a studiarmi qualche metodo per ovviare alla cosa;
-Fa riflettere sulla tecnologia, che decisamente aiuta ma va saputa controllare bene. Anche se qua non si intende proprio quella classica, ma insomma non posso mica dirvi tutto io, anche se un piccolo accenno in foto potrebbe esserci…

CONTRO, l’unico.
-La lunghezza.
È troppo corto per tutto quello che si ha da raccontare, questo porta a non avere abbastanza spazio per approfondire bene le varie cose, che siano i personaggi e le loro parentele, i vari termini utilizzati o proprio il tema principale in sé per sé.
Mi sarebbe piaciuto saperne di più su tutti i vari aspetti legati al clo, sui loro rapporti, sul prima e sul perché ma in modo più ampio.

Read Passion, bookblogger
solarpunk.it

Ho apprezzato l’innesto di una tecnologia molto avanzata sulla dimensione campestre e genuina che caratterizza il racconto, da cui deriva la sensazione di immergersi in un tempo imprecisato e sospeso – a creare la quale contribuisce anche lo stile dell’autrice, limpido ed evocativo. Il racconto è completo e ben strutturato, un validissimo esordio e una buona introduzione al solarpunk per chi, come me, non ha mai approfondito il genere.

“laragazzasuldrago”, bookblogger

Scaricalo qui: La Compagnia Perfetta, Delos Digital

Guarda gli altri libri del team solarpunk.it

Cos’è il solarpunk – Manifesto

Vai al blog: solarpunk.it

Condividi il post

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *