Domenica 13 novembre Solarpunk Italia parteciperà alla Biennale Tecnologia di Torino, nella sezione OFF organizzata nella sede del MuFant, il Museo della fantascienza e del fantastico

Per l’occasione saranno presenti, oltre a Franco Ricciardiello e Silvia Treves di Solarpunk Italia, anche Roberto Arduini, Cecilia Barella, Paolo Bertetti, Piero Gondola della Riva, Luigi Mobiglia, Domenico Morreale, Franco Ricciardiello, Silvia Treves, con la moderazione di Silvia Casolari e Davide Monopoli.

Le città del domani raccontate dal solarpunk

Franco Ricciardiello

Sognavamo metropoli d’acciaio

Le Città Futura nella letteratura di fantascienza: non solo macchine volanti

Nel suo secolo di vita la fantascienza non ha raccontato solo extraterrestri, astronavi, robot e viaggi nel tempo; la città è sempre stata tra i luoghi privilegiati dell’immaginario futuro: spazio artificiale, contrapposto alla natura, oppure territorio di convivenza, scambio, cultura, bellezza? Adesso, il Solarpunk può aiutarci a immaginare la metropoli del nostro avvenire, sostenibile, inclusiva, antispecista.

Narrazioni di riferimento:

  1. “Una storia dei giorni futuri” di H.G. Wells e “Le meraviglie del 2000” di Emilio Salgari
  2. Le città-mostro: “Abissi d’acciaio” di Isaac Asimov, “Città di concentramento” di James Ballard, “Monade 116” di Robert Silverberg
  3. Bellona in “Dhalgren” di Samuel Delany
  4. Lo sprawl: la città cyberpunk
  5. Le città ferite: “La città, poco tempo dopo” di Pat Murphy, “New York 2123” di K.S. Robinson
  6. La città postmoderna di China Miéville: Besźel/Ul Qoma
  7. La città solarpunk
Silvia Treves

Venire a patti con la città

il solarpunk come discorso militante sulle realtà urbane presenti e future, dagli “inurbati climatici” di oggi alle soluzioni sostenibili di domani.

Nel volgere di pochi decenni quasi il 70% della popolazione globale vivrà in città, spesso megalopoli. Ma il futuro inurbamento non sarà equamente distribuito: gran parte di questo processo interesserà regioni di nuovo sviluppo da una parte e di massima povertà dall’altra. A questo si aggiunge l’inurbamento climatico, dovuto a comunità che, a causa di eventi estremi sempre più frequenti, non possono già più praticare l’agricoltura di sussistenza. Un altissimo numero di inurbati si stabilisce e si stabilirà nelle periferie più povere e insicure delle grandi conurbazioni: le baraccopoli. Autocostruzione, precarietà, illegalità, occupazione di aree fortemente a rischio e soprattutto mancanza di servizi primari garantiti. Queste sono le caratteristiche delle baraccopoli, insieme a una forte coesione e soluzioni comunitarie sorprendenti che la fantascienza e in particolare il solarpunk esplorano e continueranno a studiare.

Narrazioni sf/solarpunk di riferimento:

  1. La città dei senzatetto: The Boston Hearth Project di T.X.Watson:
  2. Sopravvivere alla catastrofe delle città: “La città dell’Orca” di Sam Miller
  3. “Sottomarini” di Han Son
  4. Una comunità di ragazzi ai margini della città: “Cose che si piegano, ma non si rompono” di S.B. Divya
  5. Gentrificazione e falsa sostenibilità: “Oval” di Elvia Wilk

Il MuFant si trova a Torino, in piazza Riccardo Valla n. 5, angolo via Reiss Romoli

Silvia Treves e Franco Ricciardiello
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Riceverai una mail mensile con:
riepilogo dei post del mese; info su appuntamenti e presentazioni; ultime uscite; un post dal nostro archivio; un editoriale della redazione.
Condividi il post

Comments are closed