Categories:

Idee per scrivere Solarpunk

Ricomincia da oggi la nuova stagione di SEMI, la rubrica che raccoglie idee da riviste e pubblicazioni scientifiche, per formare un archivio a disposizione di chi vuole scrivere letteratura solarpunk — ma anche semi per chi ama la lettura e per chiunque si interessi a ciò che può cambiare in meglio il nostro futuro.

di Franco Ricciardiello

All’università Wageningen (Paesi Bassi) la microbiologa Oksana Coban ha studiato varie ricerche che in tutto il mondo si occupano di recuperare terreni degradati — inariditi, oppure  devastati da incendi o pratiche agricole intensive —  mediante l’utilizzo di microrganismi, come avviene in natura.

Un coordinamento delle varie ricerche nel campo ancora non esiste, ed è quello che Coban auspica. I microrganismi decompongono la materia organica che finisce nel suolo, favoriscono il radicamento delle piante, contribuiscono a regolare l’afflusso di acqua.

Ad esempio, dopo gli effetti di un incendio è efficace l’azione di Acinetobacter, Azospirillum e Proteus, che sono rizobatteri. Contro l’aridità, microrganismi “idrofili” come Actinobacteria, Chloroflexi e Firmicutes. Utilissimi sono anche gli azotofissatori Clostridium, Azotobacter, Rhizobium, che arricchiscono il terreno esaurito.

Fonte : Le Scienze, maggio 2022

Leggi gli altri post dei SEMI

Cos’è il solarpunk: leggi il manifesto

Blog: HOME

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Riceverai una mail mensile con:
riepilogo dei post del mese; info su appuntamenti e presentazioni; ultime uscite; un post dal nostro archivio; un editoriale della redazione.
Condividi il post

Comments are closed