Solarpunk, immaginari energetici e infrastrutture della solarità

Rhys Williams, università di Glasgow
da Open Library of Humanites, traduzione di Silvia Treves
[Seconda Parte – continua dalla prima parte]
sun-solarpunk

Infrastrutture di fantasia (1): Tutto come al solito

Tutti gli immaginari o le speculazioni sul futuro dell’energia sono proprio questo: immaginazione, speculazione. Anche gli immaginari mainstream più tosti, motivati da dati, contengono pezzi di fantasia per renderli coerenti, per farli funzionare. Le domande chiave sono: “Quali elementi sono fantasia?” e “che lavoro fanno quegli elementi?”. Ciò che rende gli immaginari di transizione energetica particolarmente disponibili per l’analisi a questo proposito è che possono essere spinti tra il vetro duro del “bilancio del carbonio” da un lato e il tasso di emissioni di carbonio dall’altro. Gli immaginari più tradizionali, diffusi e influenti sono quelli impiegati dal Gruppo Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC). La maggior parte dei modelli di valutazione integrati per mantenere il pianeta a 1,5° C sopra le temperature pre-industriali nel rapporto IPCC 2014, e tutti e quattro i percorsi individuati nel recente, significativamente più allarmante rapporto 2018 “si basano fortemente su tecnologie CDR [Carbon Dioxide Removal] come il BECCS [Bioenergia con cattura e stoccaggio del carbonio]” (Hickman, 2016)[i]. Eppure queste sono tecnologie “attualmente indeterminate e controverse”, dove “la dimostrazione su scala commerciale non è ancora stata raggiunta”, e in cui, molti sostengono, “il cambiamento di utilizzo del suolo e le emissioni del ciclo di vita non sono completamente considerati” (Stavrakas, Spyridaki, e Flamos, 2018: 2). Queste tecnologie sono date come una realtà nei rapporti dell’IPCC – che hanno una grande influenza sulle azioni intraprese nel presente – ma che non siamo vicini a possedere. I percorsi ufficiali di transizione energetica scrupolosamente “realistici” includono quindi un pezzo di vera fantasia per funzionare. Per Kevin Anderson e Glen Peters (2016), il motivo per cui sono nei rapporti è chiaro:

L’attrattiva del BECCS e di altre tecnologie a emissione negativa deriva dalla promessa di sfide politiche ed economiche oggi molto ridotte, compensate dai progressi tecnologici […] Le tecnologie ottimali per le emissioni negative sono più attraenti dal punto di vista politico rispetto alla prospettiva di sviluppare politiche per ottenere una mitigazione rapida e profonda.


Nell’immaginario mainstream dell’IPCC, e in tutti gli immaginari “tutto come al solito” che prevedono la transizione energetica come un cambiamento tecnico piuttosto che sociale radicale (ad es. Sivaram, 2018; Bloomberg, NEF 2018; IEA, 2017), queste tecnologie funzionano come pezzi di fantasia per renderle coerenti di fronte alla dura realtà del bilancio del carbonio accoppiato con l’attuale linea d’azione e l’aumento delle emissioni. Sono lì per far quadrare il cerchio, per risolvere le equazioni, senza la necessità di un drastico cambiamento sociale e politico. L’immaginario “tutto come al solito” è popolato da tecnologie BECCS, “luce solare liquida”, e geo-ingegneria, e questi dovrebbero essere intesi come desideri infrastrutturali, il desiderio di autoperpetuarsi dell’attuale disposizione energetica. La necessità di allontanarsi dai combustibili fossili, da un lato, e la riluttanza a tale transizione in quanto può essere occasione per cambiamenti nella qualità e nello stile di vita dall’altro, producono un forte vuoto statistico che richiede la creazione di queste tecnologie. Esse emergono nell’immaginario in primo luogo e innanzitutto come fantasie di realizzazione del desiderio ,che negano la necessità di un cambiamento sociale. Forniscono alternativamente: una semplice eliminazione della causa del problema (BECCS, eliminando le emissioni di carbonio); una totale riorganizzazione sul lato produttivo per mantenere lo stesso stile di vita sul fronte consumistico (luce solare liquida)[ii] o l’intervento brusco nelle condizioni immensamente intricate e complesse del problema (la tracotante fantasia dell’Ave-Maria della geo-ingegneria), come bambini che cercano di cambiare le regole di un gioco quando stanno perdendo (cfr The Hidden Dangers of Geoengineering). Tutto questo sforzo e tutta questa fantasia sono necessari per una transizione senza transizioni. L’altra opzione è un cambiamento sociale radicale, nell’ordine di una pianificazione globale e tagli profondi e rapidi nei consumi e in alcuni tipi di produzione, con risorse riassegnate alla produzione di tecnologie e infrastrutture necessarie, ciò che Kevin Anderson e Alice Bows descrivono come “una recessione economica pianificata”. (2008: 3880). Mentre l’immaginario “tutto come al solito” punta ai propri limiti per mezzo delle fantasie che usa per nasconderli o attenuarli, “con il cambiamento climatico […] abbiamo a che fare con un mondo di grandi cambiamenti,  al di fuori del regno della  teoria di mercato standard” (Anderson, 2012: 28), ci rivolgiamo a immaginari come il solarpunk per delineare l’opposto: i necessari cambiamenti sociali e infrastrutturali. Sono lì, raffigurati in termini fantascientifici, in termini fantastici, e nelle rotture utopiche ed elitarie che separano questi mondi dai nostri. Dal momento che le risposte tradizionali al cambiamento climatico sono separate dalle dure realtà della necessaria mitigazione da un abisso che si spalanca ogni giorno di più, la richiesta che viene dai fantastici mondi solarpunk è veritiera e benvenuta.

Silberius, “La fattoria alla fnie del mondo”

Infrastrutture di fantasia (2): Solarpunk

Lasciate che vi racconti una storia. Rashida, una giovane ragazza, vive in un villaggio in mezzo a una splendida campagna. La comunità è piccola e affiatata, e come la maggior parte dei luoghi in questo futuro solarpunk, i valori di cura, comunità, e l’equilibrio ecologico sono di primaria importanza. Il villaggio è organizzato sulla falsariga di un sistema corporativo semi-medievale ma, come per i comunisti di Marx, il loro tempo al di fuori delle esigenze delle stagioni è loro, e come gli utopisti di Morris, il lavoro non alienato è per loro un piacere. Il villaggio funziona con l’energia solare, che è generata da scaglie di drago trattate, perse dai draghi di passaggio nelle loro lunghe migrazioni, e raccolte dagli abitanti del villaggio. Allo stesso modo in cui le scaglie forniscono energia ai draghi, possono, con un po’ di tecnica e installazione, essere utilizzate per generare energia per la comunità. Le scaglie sono montate sui tetti delle case, e in questo momento ne sono necessarie altre. Un recente afflusso di nomadi che cercano di stabilirsi con le proprie famiglie ha richiesto la costruzione di più case, il che significa più domanda di energia. Il padre di Rashida, un uomo pratico da avere a portata di mano, ha anche preparato batterie di sale fuso di cui avranno bisogno per immagazzinare energia per la notte e le tristi giornate invernali. Ma hanno bisogno di queste scaglie per i tetti, e non c’è nemmeno un drago in vista.

In Dragon’s Oath (Mitchell, 2015), ci troviamo di fronte a un fatto fondamentale della tecnologia solare che è spesso passato in silenzio in immaginari energetici radicali, tra cui il solarpunk. Al di là delle sue credenziali green, oltre alle sue capacità di decentramento, al di là della sua promessa utopistica, la tecnologia deve essere in primo luogo fabbricata e distribuita. I mezzi della sua produzione sono necessari per l’esistenza di qualsiasi futuro solare, o, come dice Rashida, “per ottenere scaglie di drago, sono necessari i draghi”! (Mitchell, 2015: 191). Prendendo l’infrastruttura solare e usandola come punto di partenza a fini di speculazione, la maggior parte del solarpunk è probabilmente prima di tutto un immaginario di consumo. Al contrario, l’immaginario mainstream potrebbe essere inteso come un immaginario di produzione. Vale a dire che i mezzi di produzione – la ricerca, il finanziamento, la produzione, l’approvvigionamento, la distribuzione e l’installazione di tecnologie solari, le miniere, i laboratori, le fabbriche, e le finanze – tutto ciò che è coinvolto nella produzione di tecnologie solari come realtà utili e utilizzabili su scala globale e urgente è già presente, come una molla a spirale. Gli immaginari che accompagnano questo sistema di produzione prevedono inevitabilmente la sua continuazione, e forse non senza giustificazione, poiché la sua continuazione è anche la continuazione dell’attuale modalità di produzione della tecnologia solare in quanto tale. Anche un marxista aggressivo come Malm riconosce che aspettare una rivoluzione socialista prima di combattere il cambiamento climatico è insostenibile (2015: 383). Qualsiasi esperimento solare alternativo o radicalo, eccetto una rivoluzione, sembra destinato a svilupparsi parassitariamente sul presente.

Un modo migliore per pensare alla transizione energetica, quindi, è come un trampolino di lancio – un futuro solare deve essere parassita del presente di combustibili fossili per un certo tempo, e un futuro socialmente giusto deve essere inizialmente essere parassita dell’attuale capitalismo neo-coloniale[iii]. Come le nazioni avanzate guadagnano la sovranità energetica attraverso l’installazione di pannelli solari (o i lampioni di proprietà comune di Brennan), la sovranità energetica per emergere fa affidamento sugli stessi rapporti di produzione che tenta di spezzare. La tecnologia solare fornisce autonomia energetica, ma solo fino a quando il prodotto funziona, solo per il tempo di vita di una cella solare, prima che la questione della produzione si ponga di nuovo. Una vera transizione richiede una transizione dei mezzi di produzione – un modo di produrre tecnologia solare socialmente corretto. Altre verità difficili seguono a ruota. Utopie solarpunk su scala minore devono necessariamente esistere all’interno di un sistema più ampio che include la produzione industriale su larga scala. È possibile realizzare pannelli solari fatti in casa, ma il processo richiede l’acquisto di parti tecnicamente avanzate, realizzate in condizioni sterili, come le celle di silicio ultra-puro e sottile. Andando un passo più in profondità nel processo, è possibile produrre celle a livello domestico (o nazionale??), ma ancora una volta, il processo richiede materie prime che vanno da (a seconda del processo) biossido di titanio (prodotto con limonite, rutilo, o scorie di titanio attraverso una serie di fasi successive che a loro volta richiedono cose come cloruro o solfato, e attrezzature come idrolizza tori), iodio, plastica, vetro sottile, e grafite, e questo è solo per una singola piccola cella[iv].  È possibile acquistare tutto ciò, ma questo è fondamentalmente lo stesso che acquistare i pannelli solari completi se l’obiettivo è di allontanarsi dalla produzione industriale su larga scala. E questo senza nemmeno considerare l’efficienza e la longevità delle celle (le celle fatte in casa durano significativamente al di sotto degli attuali pannelli in efficienza, quest’ultimo si aggira intorno al 20%-26%; la longevità delle cellule fatte in casa è scarsa, e l’attuale standard industriale è garantito per circa 25 anni, di più in alcuni casi), i processi difficili e “sporchi” di estrazione delle materie prime e la scala di fabbricazione necessaria per la transizione energetica globale. Se il mondo dovesse fare affidamento su un’industria decentralizzata e artigianale di celle solari, quand’anche fosse possibile, sarebbero necessari cambiamenti sociali post-apocalittici per riportare il consumo di energia al livello raggiungibile da una tale industria.

L’immaginario utopistico di Dragon’s Oath oscilla tra la rappresentazione di un’enclave parassitaria, dipendente dalle relazioni di produzione che le sono estranee ma che esistono nel nostro presente (capitale industriale), e la rappresentazione di un futuro pienamente trasformato, con rapporti di produzione che ancora non esistono. Il drago codifica entrambe le possibilità, in una sorta di sovrapposizione, e quindi suggerisce anche la transizione dall’una all’altra. Il drago condensa in sé tutto ciò che attualmente consideriamo necessario per l’esistenza della tecnologia solare, dall’estrazione dei minerali al trasporto alla costruzione di precisione delle celle, al finanziamento e alla distribuzione. Ma nel contenere in sé tutto questo, permette anche a tutte queste fasi di essere trasformate: la rappresentazione impone proprie dimensioni tecniche e formali, rendendo le fasi indistinguibili dai “rapporti di produzione” di un mondo non umano, e suggerendo un modo di produzione in qualche modo senza costo esterno nei confronti di risorse naturali ed ecologia.

Questa è un’immagine impossibile di un ideale ecologico, un modo di produzione che è indistinguibile dai processi naturali, perfettamente integrati. Come tale funge da indicatore per il tipo di transizione che deve avvenire nel presente. Nella sua irraggiungibilità, il drago-come-modo- di-produzione rende chiaro che il semplice passaggio alle tecnologie solari, senza riguardo per le specifiche della loro costruzione, e per i problemi molto reali della loro eliminazione, è insufficiente, una questione ampiamente dimostrata dai danni ecologici e dalle dure condizioni di lavoro del boom fotovoltaico cinese e dal conseguente problema dei rifiuti solari in rapida crescita (vedi Shellenberger, 2018; Yang, Lim e Yoo, 2017). Qualcosa di simile si verifica nella storia Lost and Found (Pierson, 2015), dove i draghi appaiono come:

avatar della natura […] così in sincronia con il pianeta alcuni scienziati sostengono di non qualificarli come animali. Hanno lavorato per creare un ambiente favorevole a tutti e a tutto, mantenendo la sinergia della vita e della morte in perfetto equilibrio […] Ci hanno mostrato come lavorare con il pianeta a beneficio di tutti.


I draghi in entrambe le storie sono simboli fantastici: veicoli e chiavi di volta per una radicale transizione sociale che non è avvenuta ma che deve avvenire per raggiungere il tipo di mondo previsto dal solarpunk. Essi forniscono la rottura con la realtà necessaria per elaborare un futuro diverso, e nel farlo creano una rappresentazione risonante per il tipo di valori e desideri che una tale rottura deve soddisfare, e dai quali va guidata. Nelle storie solarpunk più fantascientifiche, una funzione simile è soddisfatta da quello che Fredric Jameson chiamerebbe una “frattura” utopica (2005: 229), vale a dire la guerra, il cataclisma, o la rivoluzione che precede sempre la narrazione e determina le sue condizioni. Questa rottura è necessariamente priva di contenuto, è pura negazione, un vuoto tra Ora e Allora. Il drago, invece, è un modo per mostrare la presenza della rottura. Piuttosto che una negazione senza caratteristiche, il drago fornisce un mezzo fantasioso per dare forma ed espressione ai desideri e ai valori che precedono e forse danno origine ad un nuovo mondo, e alle dimensioni formali dell’infrastruttura che sarebbe necessaria per sostenerlo. In precedenza ho sostenuto che l’unico modo per conciliare un’agibilità gioiosa e spensierata con le esigenze della nostra crescente consapevolezza ecologica sarebbe attraverso una base infrastrutturale codificata con una sensibilità ecologicamente sana. Questa è la domanda utopica codificata nella rappresentazione del drago solarpunk  – relazioni di produzione e loro concretizzazione infrastrutturale che assicuri un fondamento ecologico per la comunità, l’agire individuale e la felicità.

“Il grande albero” di Tian Zi (Shenzhen, Cina), da ArtStation

Solarpunk nella Comunità

In questo articolo ho considerato ciò che l’immaginario solarpunk rivela circa le dimensioni formali delle tecnologie solari esistenti, ed esplorato le sue raffigurazioni di future soggettività e infrastrutture, e le necessità della transizione. Per concludere, mi rivolgerò alla relazione del solarpunk con il motore principale della transizione: le relazioni sociali e l’azione politica nel presente.

Il rapporto produttivo tra le pratiche di speculazione da un lato, e l’attivismo politico e il cambiamento sociale dall’altro, è sempre più riconosciuto nella letteratura critica, e analizzato  da attivisti professionisti[v]. Intorno alla sola questione di una giusta transizione energetica ci sono un certo numero di gruppi attivi che si impegnano con immaginari del futuro come parte della loro strategia[vi]. Il solarpunk, come indicato all’inizio di questo articolo, è tanto una comunità in crescita, e un’espressione di desideri politici, quanto un sottogenere. È un immaginario di formazione della comunità: i siti web, le pagine di tumblr, l’estetica e le storie forniscono un “graffio sul vetro” per la coalescenza di un’identità emergente e di un insieme di desideri per il futuro verso cui un numero crescente di persone è attratto, e può contribuirvi. L’immaginario solarpunk può quindi fornire una coerenza concettuale a un’attività politica già mobilitata, fornire una comunità di persone simili e uno spazio per nuove attività. Un gruppo che si identifica come solarpunk sta attualmente costruendo un network peer-to-peer open source chiamato Scuttlebutt, che cerca di incarnare l’ethos solarpunk in una piattaforma digitale social[vii]. È stato creato in Goodreads un gruppo di lettura solarpunk in che legge non solo fiction ma libri sulla vita sostenibile e la permacultura, e che ospita discussioni su come implementare il cambiamento a livello locale. Il gruppo non profit di patrocinio e politico (policy – forse assicurativo?) Shared Assets, che “fornisce consulenza, sostegno e formazione, intraprende attività di ricerca e di patrocinio […] nuovi modelli di utilizzo del territorio per il bene comune”, recentemente ha pubblicato un articolo in cui si afferma che stavano muovendo i primi passi aiutando a seminare alcuni dei semi di un futuro solarpunk” (Swade, 2018).

In omaggio al modo in cui Brennan ha identificato una “infrastruttura visionaria”, come una “comunità in cui ci si riunisce e si immaginano alternative” (2017b: 170), l’immaginario solarpunk riunisce una comunità e immagina infrastrutture alternative, che poi si concretizzano in interventi nel mondo reale. Le storie stesse sono immagini di stati futuri desiderati, immagini di futuri post-petroliferi, immagini di comunità, di parentela, amicizia e cura, e di conflitti superati dall’impegno comune. Producendo queste immagini del desiderio, l’immaginario solarpunk si espande attirando altri, fornendo una cornice e un’identità ai loro desideri. L’effetto può essere inteso come quello che Terence Turner descrisse come il “fulcro” nella pratica rituale: le narrazioni incarnano relazioni sociali modificate all’interno della loro struttura; questa rappresentazione serve come “fulcro”:

trasmettere la forza interna della performance rituale alla cornice esterna delle relazioni oggetto […] La rotazione effettuata […] implica un’estensione della cornice rituale, attraverso la proiezione dell’effetto dell’azione rituale oltre i suoi limiti originali per includere la proiezione della sua efficacia (2006: 237-8).


Vale a dire che l’efficacia dell’immaginario solarpunk nella costruzione di comunità e nell’azione ispiratrice al di là della cornice delle sue narrazioni opera attraverso questa trasmissione del proprio immaginario – la presentazione di relazioni sociali modificate e di raffigurazioni alternative del desiderio – nel mondo esterno attraverso l’azione di coloro che si associano. L’immaginario mira a realizzare un riallineamento dei comportamenti attraverso la raffigurazione di uno stato desiderato, e molte delle sue  storie contengono riflessioni di questo obiettivo centrale. L’esempio più accurato è la storia Midsummer Night’s Heist (Commando Jugendstil e altri, 2018), che narra di un intervento politico immaginario nel mondo reale presente. Ambientato in Italia, dove un gruppo di attivisti intende fermare una manifestazione di estrema destra contro l’immigrazione  che si terrà il giorno successivo, in una piazza pubblica. Nel corso della notte, gli attivisti si impegnano con l’aiuto di un gran numero di artisti e creativi, da ballerini a attori a giocatori di ruolo dal vivo, che “si esibiscono” in tutta la città, causando disordini diffusi e attirando l’attenzione della polizia. Sotto la copertura di questi elementi di distrazione, un gruppo centrale trasforma la piazza pubblica in questione, in modo che la mattina seguente, all’alba, davanti alla polizia sconcertata, i manifestanti di estrema destra e il pubblico si trovano di fronte a una scena magica solarpunk, che vale la pena citare a lungo:

Il Sole non presta loro attenzione e continua a salire, dipingendo il cielo con mille sfumature di cremisi, vermiglio e oro, e mentre si arrampica verso l’alto attraverso i cieli, svegliando uccelli, alberi e ogni sorta di creature, i suoi raggi iniziano a colpire la stele. I fotoni rimbalzano attraverso i concentratori solari come palline d’acciaio in un flipper e infine colpiscono i mini pannelli solari ad alta efficienza, multistrato, nascosti nei giunti tra i concentratori. La cascata di fotoelettroni tra i diversi strati, amplificata ad ogni passo come una valanga, guadagna velocità mentre rotola. L’elettricità scorre attraverso i cavi nel giardino, che scorre verso i Raspberry Pi, gli hard disk e gli altoparlanti. La musica inizia a suonare, una canzone electroswing sbarazzina, che riempie l’aria con il suo ritmo vivace e il suono stimolante delle trombe […] Piazza della Scala si è trasformata in un giardino durante la notte, come per magia. L’erba cresce morbida e invitante dove avrebbe dovuto esserci il lastricato di pietra e i fiori riempiono i sensi con un tripudio di colori e odori. “Vi prego, calpestate l’erba”, dice un piccolo cartello, scritto in uno stile elegante e decorato, ma gli ufficiali non osano. Se calpesti la terra delle fate, potresti non tornare mai più… Pensa uno di loro.

da AA.VV. “Glass and gardens: solarpunk Summers”, a cura di Sarena Ulibarri, World Weaver press 2018

Nonostante sia ambientata apparentemente nel mondo reale, questa è una raffigurazione estremamente ricca dell’immaginario solarpunk. Essa presenta l’alba di un mondo fresco e cambiato, modificato da un intervento diretto nel mondo presente, attingendo a conoscenze artistiche, tecnologiche ed ecologiche in egual misura (il giardino è progettato e piantato da un permaculturista). I raggi del sole animano la scena, rivelando una ricchezza di colore, e si enfatizza il legame della scena con i suoi abitanti, umani e non umani. La tecnologia più aggiornata è distribuita in modo completamente fai da te, il Raspberry Pi[viii] è un simbolo di codifica come attività del popolo, piuttosto che di una casta professionale, ed è legato a un simbolismo pre-moderno e religioso (la stele ovviamente). Oltre a questo, c’è il senso della magia nel giardino, causato da una trasformazione così improvvisa e totale. Il giardino è un pezzo di infrastruttura visionaria, che incorpora e incoraggia nuove relazioni sociali, e la mobilitazione di una particolare emozione “solarpunk”. L’intervento è un successo, la dimostrazione di estrema destra annullata, e il giardino attira l’attenzione globale, diffondendo il suo messaggio in tutto il mondo. Localmente, il pubblico si riunisce per godersi la scena, la piazza trasformata crea un nuovo spazio comunitario che a sua volta crea una nuova comunità. L’intervento è una sineddoche per le narrazioni solarpunk, la sua raffigurazione di un mondo alternativo, strutturato da infrastrutture alternative, e la mobilitazione di nuove forme di soggettività e comunità entro i suoi confini, e di lavoro contro la creazione e la riproduzione di altri (la dimostrazione di estrema destra). Nelle parole di Turner, il “fulcro”del giardino estende l’efficacia della performance oltre il quadro del rituale, sia a livello locale che globale, trasformando il mondo esterno a sua immagine e somiglianza. Il poliziotto ha ragione: se calpesti la terra delle fate, potresti non tornare mai più.

Conclusione

Se ci si impegna in modo critico nella lotta sulla transizione energetica, la relazione tra tre cose è cruciale: infrastrutture, relazioni sociali e immaginari energetici futuri. Ciascuna di queste parti partecipa delle altre: le infrastrutture sono radicate e sostengono le relazioni sociali, e producono immaginari futuri; le relazioni sociali cercano di mostrare o estendersi attraverso mezzi infrastrutturali, e l’elaborazione di immaginari futuri persuasivi; e gli immaginari futuri consistono di e producono relazioni sociali ed elementi infrastrutturali. L’attuale impegno sulla questione della transizione energetica, che emerge dagli studi critici su scienze sociali e infrastrutture, tende a occuparsi maggiormente delle infrastrutture e delle relazioni sociali esistenti, occupandosi di immaginari solo nella misura in cui essi si sviluppano da questi oggetti primari di analisi. Questo articolo tenta di ristabilire tale equilibrio e dimostrare il valore di una estesa analisi di immaginari energetici per affrontare la questione del raggiungimento di una piena transizione energetica, sociale e culturale. Per questo, mira anche a rivendicare e modellare un ruolo proattivo per gli studi letterari nel più ampio schieramento di forze critiche verso il superamento di questa sfida che caratterizza la nostra epoca. Di fronte agli appelli a “pensare in modo diverso, ottenere maggiore chiarezza,  promuovere una maggiore immaginazione” (Anderson, 2012: 39), l’analisi letteraria – in particolare, gli strumenti tratti dalle discipline degli studi sulla fantascienza e il fantastico – può essere impiegata per dimostrare che certi metodi dell’immaginazione offrono differenti visioni alla lotta per la transizione energetica, e che differenti narrazioni ottengono effetti diversi. Perseguendo questo obiettivo, l’articolo ha cercato di mettere in evidenza le connessioni tra i tipi di immaginario e le condizioni sociali di produzione, in particolare attraverso l’analisi estesa del solarpunk, e di mostrare l’agire degli immaginari stessi riguardo alla formazione di comunità, mobilitando sentimenti ed estendendoli nel mondo sotto forma di relazioni sociali e infrastrutture. Se la transizione energetica deve essere una battaglia di cuori e menti tanto quanto i pannelli fotovoltaici e le batterie al litio, un serio impegno con gli immaginari energetici è il mezzo per comprenderli e organizzarli.

Traduzione di Silvia Treves

Rhys Williams è docente di Scienze umane dell’energia e ambientali all’Università di Glasgow, Scozia.


Bibliografia delle opere citate

  1. Anderson, K 2012 Climate Change Going beyond Dangerous – Brutal Numbers and Tenuous Hope. What Next, 3: 16–40. 
  2. Anderson, K and Bows, A 2008 Reframing the Climate Change Challenge in Light of Post-2000 Emission Trends. Philosophical Transactions of the Royal Society A: Mathematical, Physical and Engineering Sciences, 366(1882): 3863–3882. DOI: https://doi.org/10.1098/rsta.2008.0138
  3. Anderson, K and Peters, G 2016 The Trouble with Negative Emissions. Science, 354(6309): 182–183. DOI: https://doi.org/10.1126/science.aah4567
  4. Arseneault, C and Pierson, B (Eds.) 2015 Wings of Renewal: A Solarpunk Dragon Anthology. Florida: Incandescent Phoenix Books. 
  5. Bloomberg, NEF 2018 New Energy Outlook. Bloomberg. Disponibile a: https://bnef.turtl.co/story/neo2018 (Last accessed 2 February 2019). 
  6. Blue, E (Ed.) 2017 Biketopia: Feminist Bicycle Science Fiction Stories in Extreme Futures. Portland: Microcosm Publishing. 
  7. Boetzkes, A 2017 Solar. In: Szeman, I, Wenzel, J and Yaeger, P (Eds.), Fuelling Culture: 101 Words for Energy and Environment, pp. 314–317. New York: Fordham University Press. DOI: https://doi.org/10.2307/j.ctt1hfr0s3.88
  8. Bonnett, A 2009 The Dilemmas of Radical Nostalgia in British Psychogeography. Theory, Culture & Society, 26(1): 45–70. DOI: https://doi.org/10.1177/0263276408099015
  9. Boyer, D and Howe, C 2018 Solarity! (Feat. Darin Barney and Imre Szeman). Cultures of Energy, 27 September. Disponibile a: http://culturesofenergy.com/145-solarity-feat-darin-barney-and-imre-szeman/ (Last accessed 27 November 2018). 
  10. Brennan, S 2017a Practices of Sunlight: Visual and Cultural Politics of Solar Energy in the United States. Tesi di laurea inedita, New York University. 
  11. Brennan, S 2017b Visionary Infrastructure: Community Solar Streetlights in Highland Park. Journal of Visual Culture, 16(2): 167–189. DOI: https://doi.org/10.1177/1470412916685743
  12. Broderick, D 1995 Reading by Starlight: Postmodern Science Fiction. London: Psychology Press.
  13. Brown, L R 2015 The Great Transition: Shifting from Fossil Fuels to Solar and Wind Energy. New York: W. W. Norton & Company.
  14. Commando Jugendstil and Tales from the EV Studio 2018 Midsummer Night’s Heist. In: Ulibarri, S (Ed.), Glass and Gardens: Solarpunk Summers. World Weaver Press. n.p.
  15. Cowen, D 2017 Infrastructures of Empire and Resistance. Verso. Disponibile a: https://www.versobooks.com/blogs/3067-infrastructures-of-empire-and-resistance (Last accessed 2 February 2019).
  16. da Silva, M 2018 Lopez Cable Town Delivery. Riot of the Wind and Sun. In: Ulibarri, S (Ed.), Glass and Gardens: Solarpunk Summers. World Weaver Press. n.p.
  17. Deign, J 2017 This New Solar Collector Design Could Bring CSP Costs to Record Lows, 2 October. Disponibile a: https://www.greentechmedia.com/articles/read/new-solar-collector-design-csp-costs-recored-lows (Last accessed 2 February 2019).
  18. Doctorow, C 2017 Walkaway. London: Head of Zeus.
  19. Dostoyevsky, F 2010 Notes From Underground. New York: Random House.
  20. Feenberg, A 2010 Between Reason and Experience: Essays in Technology and Modernity. Inside Technology. Cambridge, Mass: MIT Press. DOI: https://doi.org/10.7551/mitpress/8221.001.0001
  21. Flynn, A 2014 Solarpunk: Notes toward a Manifesto|Project Hieroglyph. Disponibile a: http://hieroglyph.asu.edu/2014/09/solarpunk-notes-toward-a-manifesto/ (Last accessed 2 February 2019).
  22. Freedman, C 2009 Marxism, Cinema and Some Dialectics of Science Fiction and Film Noir. In: Miéville, C and Bould, M (Eds.), Red Planets: Marxism and Science Fiction, pp. 66–82. London: Pluto Press.
  23. Ganzeer 2016 The Solar Grid, 4. Disponibile a: https://thesolargrid.net/ (Last accessed 04 April 2019).
  24. Graves, S 2018 Watch Out, Red Crusher!. In: Ulibarri, S (Ed.), Glass and Gardens: Solarpunk Summers. World Weaver Press. n.p.
  25. Grzyb, L and Sparks, C (Eds.) 2017 Ecopunk!: Speculative Tales Of Radical Futures. Greenwood: Ticonderoga Publications.
  26. Hamouchene, H 2015 Desertec: The Renewable Energy Grab? New Internationalist, 01 March. Disponibile a: https://newint.org/features/2015/03/01/desertec-long (Last accessed 2 February 2019).
  27. Hamouchene, H 2016a The Ouarzazate Solar Plant in Morocco: Triumphal ‘Green’ Capitalism and the Privatization of Nature. Jadaliyya جدلية. Disponibile a: http://www.jadaliyya.com/Details/33115 (Last accessed 2 February 2019).
  28. Hamouchene, H 2016b Fighting for Climate/Environmental Justice in the Maghreb. OpenDemocracy, 6 September. Disponibile a: https://www.opendemocracy.net/north-africa-west-asia/hamza-hamouchene/fighting-for-climateenvironmental-justice-in-maghreb
  29. Hamouchene, H 2017 Another Case of Energy Colonialism: Tunisia’s Tunur Solar Project. OpenDemocracy, 8 September. Disponibile a: https://www.opendemocracy.net/north-africa-west-asia/hamza-hamouchene/another-case-of-energy-colonialism-tunisia-s-tunur-solar-pro (Last accessed 2 February 2019).
  30. Haran, J 2017 Instantiating Imaginactivism: Le Guin’s The Dispossessed as Inspiration. Ada New Media, 6 October. Disponibile a: https://adanewmedia.org/2017/10/issue12-haran/ (Last accessed 2 February 2019).
  31. Hassler-Forest, D 2016 Science Fiction, Fantasy and Politics: Transmedia World-Building beyond Capitalism. London; New York: Rowman & Littlefield International.
  32. Hickman, L 2016 Timeline: How BECCS Became Climate Change’s ‘saviour’ Technology. Carbon Brief, 13 April. Disponibile a: https://www.carbonbrief.org/beccs-the-story-of-climate-changes-saviour-technology (Last accessed 2 February 2019).
  33. How to Make Solar Cell in Home 2018 WikiHow, 25 May. Disponibile a: https://www.wikihow.com/Make-Solar-Cell-in-Home (Last accessed 03 December 2018).
  34. IEA 2017 Renewables. Disponibile a: https://www.iea.org/renewables/ (Last accessed 2 February 2019).
  35. Imarisha, W and Maree Brown, A 2015 Octavia’s Brood: Science Fiction Stories from Social Justice Movements. London: AK Press.
  36. Jameson, F 2005 Archaeologies of the Future: The Desire Called Utopia and Other Science Fictions. London: Verso Books.
  37. Jasanoff, S and Kim, S-H (Eds.) 2015 Dreamscapes of Modernity: Sociotechnical Imaginaries and the Fabrication of Power. Chicago, London: University of Chicago Press. DOI: https://doi.org/10.7208/chicago/9780226276663.001.0001
  38. Jay 2017 SOLARPUNK: A REFERENCE GUIDE – Solarpunks – Medium, 26 February. Disponibile a: https://medium.com/solarpunks/solarpunk-a-reference-guide-8bcf18871965 (Last accessed 03 December 2018).
  39. Johnson, B 2018 How to Read a Novel in Light of Climate Change. Conference Paper. Petrocultures 2018: Transition. Glasgow.
  40. Johnson, C E 2015 ‘Turn on the Sunshine’: A History of the Solar Future. Ph.D. Thesis, University of Washington. Disponibile a: https://digital.lib.washington.edu:443/researchworks/handle/1773/33187 (Last accessed 2 February 2019).
  41. Just Powers|Energy Transition and Social Justice n.d. Just Powers. Disponibile a: https://www.justpowers.ca/ (Last accessed 03 December 2018).
  42. Kenwright, H 2018 Women of White Water. In: Ulibarri, S (Ed.), Glass and Gardens: Solarpunk Summers. World Weaver Press. n.p.
  43. King, J 2018 Solarpunk Social, with Scuttlebutt. Steal This Show, 31 August. Disponibile a: https://stealthisshow.com/s04e04/#utm_source=rss&utm_medium=rss (Last accessed 03 December 2018).
  44. Larkin, B 2013 The Politics and Poetics of Infrastructure. Annual Review of Anthropology, 42(1): 327–343. DOI: https://doi.org/10.1146/annurev-anthro-092412-155522
  45. Lempriere, M 2017 The Sahara: A Solar Battery for Europe? Power Technology, 20 December. Disponibile a: https://www.power-technology.com/features/sahara-solar-battery-europe/ (Last accessed 2 February 2019).
  46. Lendino, J 2015 This Fully Transparent Solar Cell Could Make Every Window and Screen a Power Source. ExtremeTech, 20 April. Disponibile a: http://www.extremetech.com/extreme/188667-a-fully-transparent-solar-cell-that-could-make-every-window-and-screen-a-power-source (Last accessed 2 February 2019).
  47. Lewis, N S and Crabtree, G 2005 Basic Research Needs for Solar Energy Utilization: Report of the Basic Energy Sciences Workshop on Solar Energy Utilization. US Department of Energy, Office of Basic Energy Science.
  48. Liu, Z 2015 Global Energy Interconnection. London: Academic Press. DOI: https://doi.org/10.1016/B978-0-12-804405-6.00005-1
  49. Louise, Miss O 2014 Original Aesthetic Solarpunk Post. Land of Masks and Jewels. Disponibile a: http://missolivialouise.tumblr.com/post/94374063675/heres-a-thing-ive-had-around-in-my-head-for-a (Last accessed 2 February 2019).
  50. Lunt, R 2014 Solar Energy That Doesn’t Block the View. MSUToday, 19 August. http://msutoday.msu.edu/news/2014/solar-energy-that-doesnt-block-the-view/ (Last accessed 2 February 2019).
  51. Malm, A 2015 Fossil Capital: The Rise of Steam-Power and the Roots of Global Warming. London; New York: Verso Books.
  52. Malm, A 2018 Marx on Steam: From the Optimism of Progress to the Pessimism of Power. Rethinking Marxism, 30(2): 166–185. DOI: https://doi.org/10.1080/08935696.2017.1417085
  53. Miéville, C 2002 Editorial Introduction. Historical Materialism, 10(4): 39–49. DOI: https://doi.org/10.1163/15692060260474369
  54. Mitchell, D 2015 Dragon’s Oath. In: Arseneault, C and Pierson, B (Eds.), Wings of Renewal: A Solarpunk Dragon Anthology. Florida: Incandescent Phoenix Books. n.p.
  55. Morris, W 1993 News from Nowhere and Other Writings. London: Penguin Books.
  56. Nicoll, C 2015 Glow. In: Arseneault, C and Pierson, B (Eds.), Wings of Renewal: A Solarpunk Dragon Anthology. Florida: Incandescent Phoenix Books. n.p.
  57. Norja, S 2017 Sunharvest Triptych. In: Wagner, P and Wieland, B C (Eds.), Sunvault: Stories of Solarpunk and Eco-Speculation, pp. 218–220. Nashville: Upper Rubber Boot.
  58. Orsi, C 2018 Solarpunk: Ecological and Fantastical Stories in a Sustainable World. Albuquerque: World Weaver Press.
  59. Pierson, B J 2015 Lost and Found. In: Arseneault, C and Pierson, B (Eds.), Wings of Renewal: A Solarpunk Dragon Anthology. n.p.
  60. Rieder, J 2017 Science Fiction and the Mass Cultural Genre System. Middletown, Connecticut: Wesleyan University Press.
  61. Rossman, J L 2018 Riot of the Wind and Sun. In: Ulibarri, S (Ed.), Glass and Gardens: Solarpunk Summers. World Weaver Press. n.p.
  62. Scheer, H 2004 The Solar Economy: Renewable Energy for a Sustainable Global Future. London: Earthscan.
  63. Scheer, H 2013 The Energy Imperative: 100 Percent Renewable Now. London: Routledge. DOI: https://doi.org/10.4324/9780203144145
  64. Schwartzman, D 2013 The Great Bifurcation and prospects for Solar Communism in the Twenty-First Century. International Critical Thought, 3(4): 480–495. DOI: https://doi.org/10.1080/21598282.2013.852865
  65. Shellenberger, M 2018 If Solar Panels Are So Clean, Why Do They Produce So Much Toxic Waste? Forbes, 23 May. Disponibile a: https://www.forbes.com/sites/michaelshellenberger/2018/05/23/if-solar-panels-are-so-clean-why-do-they-produce-so-much-toxic-waste/#7b0a4174121c (Last accessed 5 March 2019). 
  66. Sivaram, V 2018 Taming the Sun: Innovations to Harness Solar Energy and Power the Planet. Cambridge: MIT Press.
  67. Solarpunk Goodreads n.d. Goodreads. Disponibile a: https://www.goodreads.com/group/show/712597-solarpunk (Last accessed 3 December 2018).
  68. Solarpunks n.d. Disponibile a: https://solarpunks.net/?og=1 (Last accessed 3 December 2018).
  69. Solarpunks Tumblr n.d. Disponibile a: http://solarpunks.tumblr.com/?og=1 (Last accessed 14 June 2017).
  70. Star, S L 1999 The Ethnography of Infrastructure. American Behavioral Scientist, 43(3): 377–391. DOI: https://doi.org/10.1177/00027649921955326
  71. Stavrakas, V, Spyridaki, N-A and Flamos, A 2018 Striving towards the Deployment of Bio-Energy with Carbon Capture and Storage (BECCS): A Review of Research Priorities and Assessment Needs. Sustainability, 10(7): 2206. DOI: https://doi.org/10.3390/su10072206
  72. Stir to Action n.d. Disponibile a: https://www.stirtoaction.com/ (Last accessed 3 December 2018).
  73. Streeby, S 2018 Imagining the Future of Climate Change: World-Making Through Science Fiction and Activism. Berkeley: University of California Press.
  74. Suvin, D 1979 Metamorphoses of Science Fiction. New Haven: Yale University Press.
  75. Swade, K 2018 Creating a Solarpunk Future? Shared Assets, 22 May. Disponibile a: http://www.sharedassets.org.uk/inspiration/creating-solarpunk-future/ (Last accessed 2 February 2019).
  76. The Hidden Dangers of Geoengineering 2008 Scientific American, 01 November. Disponibile a: https://www.scientificamerican.com/article/the-hidden-dangers-of-geoengineering/ (Last accessed 3 December 2018).
  77. Tolstoy, L, Pevear, R and Volokhonsky, L 2004 Anna Karenina: A Novel in Eight Parts. New York: Penguin Books.
  78. Transition Network|Transition Towns|The Circular Economy n.d. Transition Network. Disponibile a: https://transitionnetwork.org/ (Last accessed 3 December 2018).
  79. Turner, T 2006 Structure, Process, Form. In: Kreinath, J, Snoek, J A M and Stausberg, M (Eds.), Theorizing Rituals: Issues, Topics, Approaches, Concepts. Boston: Brill.
  80. Ulibarri, S (Ed.) 2018. Glass and Gardens: Solarpunk Summers. World Weaver Press, n.p.
  81. van Vuuren, D P, Hof, A F, van Sluisveld, M A E and Riahi, K 2017 Open Discussion of Negative Emissions Is Urgently Needed. Nature Energy, 2(12): 902–994. DOI: https://doi.org/10.1038/s41560-017-0055-2
  82. Wagner, P and Wieland, B C (Eds.) 2017 Sunvault: Stories of Solarpunk and Eco-Speculation. Nashville: Upper Rubber Boot.
  83. Wilson, S 2018 Energy Imaginaries: Feminist and Decolonial Futures. In: Bellamy, B R and Diamanti, J (Eds.), Materialism and the Critique of Energy, pp. 377–412. Chicago: MCM’.
  84. Yang, H-J, Lim, S-Y and Yoo, S-H 2017 The Environmental Costs of Photovoltaic Power Plants in South Korea: A Choice Experiment Study. Sustainability, 9(10): 1–13. DOI: https://doi.org/10.3390/su9101773

solarpunk.it

Note

[i] Si veda anche il rapporto di Bloomberg NEF che afferma che negli scenari più rialzisti, con il carbone completamente rimosso dal mix energetico globale entro il 2035, questo “non ci porterebbe ancora a 2 gradi”. In effetti, “non è abbastanza vicino. Per farlo, abbiamo bisogno di nuove tecnologie a zero emissioni che possano decarbonizzare il gas su larga scala o sostituirne il ruolo nel sistema” (2018).

[ii] Sivaram chiama la luce solare liquida il “Santo Graal finale: 100% pulito, sostituzioni drop-in per i combustibili fossili” (2018: 183).

[iii] Un’altra iterazione della stessa relazione parassitaria è l’emergere della comunità solarpunk attraverso e la continua dipendenza da internet affamata di energia.

[iv] How to Make Solar Cell in Home (2018).

[v] Si veda Haran (2017); Hassler-Forest (2016); Imarisha e Brown (2015); Rieder (2017); Streeby (2018).

[vi] Per esempio: “Come potremmo organizzarci attorno alla transizione energetica per immaginare e creare un futuro più vivibile per tutti?” È la questione centrale del gruppo di ricerca Just Powers (Just Powers n.d.). Il Transition Network facilita sessioni di “visioni utopistiche” per i suoi partecipanti al fine di incoraggiare il legame di squadra e di ispirare. Stir to Action mescola articoli su questioni di giustizia sociale e cambiamento climatico con interventi che esplorano il potenziale radicale della fantascienza.

[vii] King (2018).

[viii] Raspberry Pi è un piccolo computer facilmente programmabile, a scheda singola, sviluppato nel Regno Unito e in distribuzione dal 2012 [NdT]

Cos’è il solarpunk: leggi il manifesto

Blog: HOME

Condividi il post

Tags:

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *