assalto-al-sole-delos-solarpunk.it

Categories:

Domenica 12 settembre nel corso di Stranimondi, Franco Brambilla ha ritirato il premio Italia 2021 per la miglior illustrazione o copertina. I votanti per la categoria in questione erano 313 nella prima fase (l’espressione delle candidature, che sono state 82), e 395 nella fase finale.

Franco Brambilla ha vinto con la copertina di Assalto al Sole.

Gli altri candidari erano Ivo Torello, Ksenja Laginja, Maurizio Manzieri e Sabrina Gabrielli. I nostri complimenti vanno a tutti gli artisti che contribuiscono a rendere tangibile l’immaginario della fantascienza.

Franco Brambilla (da Wikipedia edizione italiana)

Si diploma all’Istituto Europeo di Design nel 1991. Dal 1998 al 2005 collabora all’inserto economico del Corriere della Sera realizzando illustrazioni, collage fotografici e infografica. Nel 1997 assieme agli amici Pierluigi Longo e Giacomo Spazio fonda uno studio, Airstudio, attraverso il quale per un decennio collaborerà con varie case editrici italiane per la progettazione grafica e l’illustrazione.

Per la Mondadori dal 1997 collabora a note collane editoriali come Urania, Urania Collezione e Millemondi divenendone dal 2000 il principale copertinista. Collabora con diverse agenzie pubblicitarie e case editrici in Italia e all’estero.

Nel 2007 lancia il progetto artistico “Invading The Vintage” in cui le cartoline del nonno vengono “invase”, interpretate o stravolte in chiave surreale da personaggi alieni anche ispirati a vecchi film e telefilm di fantascienza. Il progetto attira l’attenzione di blog e riviste italiane e straniere di arte e scienza come Wired negli USA e in Italia, Vice, Juxtapoz, Blue Canvas, Sunday Telegraph ed è stato inserito nel volume Geek Art – Une Anthologie Volume 1 nel 2012 e partecipa alla mostra collettiva retrofuturista “Futur Anterieur” organizzata a Parigi presso la Galleria Du Journe Ages B nel 2012; nel 2014 è stato presentato all’Independent Arts Festival di Sint Nicklass in Belgio e, nel 2016, per il Comune di Segrate gli dedica la mostra “Invading Segrate” e “Invading The Vintage“.

Condividi il post

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *